Celiachia: diventare fornitori di alimenti senza glutine

Procedura per la stipula di convenzioni con i fornitori di prodotti alimentari privi di glutine a pazienti affetti da morbo celiaco dell'ASL della Provincia di Como.

Scarica la Procedura di gestione del progetto regionale "Nuova Celiachia" in versione integrale (pdf)

A chi si rivolge

Si rivolge ai titolari di esercizi commerciali e/o Aziende della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) che intendono erogare prodotti dietetici senza glutine a carico del SSR.

Come accedere

Il titolare o legale rappresentante dell'esercizio commerciale o dell'azienda capogruppo della GDO che intende erogare prodotti dietetici senza glutine a carico del SSR, dovrà inoltrare formale richiesta di convenzionamento e la documentazione necessaria al Responsabile dell'U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica (U.O.C. S.A.F.).

La domanda, contenente i dati identificativi del/dei punti vendita, e del titolare (persona fisica o società) dell'esercizio commerciale/azienda GDO, dovrà essere redatta secondo il modello allegato, accompagnato dalla seguente documentazione:

  1. Autocertificazione attestante che il software utilizzato sia dotato di una interfaccia di colloquio con il Sistema Regionale secondo quanto specificato nel documento DC-CER-SIAA≠01, pubblicato sul sito del Sistema Informativo Socio Sanitario www.siss.regione.lombardia.it nell'area documentale e che rispetti i requisiti di aderenza al processo dematerializzato;
  2. Copia della Segnalazione Certificata Inizio Attività (SCIA) o precedente documento autorizzativo;
  3. Coordinate bancarie, compilate sul modello "conto corrente dedicato"allegato;
  4. Autocertificazione redatta secondo il seguente modello:
    "La ditta dichiara sotto la propria responsabilità, nella consapevolezza delle conseguenze penali derivanti da dichiarazioni mendaci e falsità negli atti ex art. 76 D.P.R. n° 445/2000 e ss.mm., che:
    • non si trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, e che a loro carico non esiste in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni;
    • nei suoi confronti non è pendente un procedimento ovvero non è stato emanato un provvedimento definitivo per l'applicazione di una delle misure di prevenzione della sorveglianza di cui alla legge n. 1423/1956 o di una delle cause ostative previste dall'art. 10 della legge n. 575/1965 e successive modifiche e che tali procedimenti o provvedimenti non sono pendenti o non sono stati emanati nei confronti del/i Direttore/i tecnico/i ovvero degli altri soci/amministratori muniti del potere di rappresentanza;
    • nei suoi confronti non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'art. 444 c.p.c., per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale e che non è stata pronunciata condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un'organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all'art. 45, par. 1, direttiva 2004/18/CE e successive modifiche e che tali condanne non sono state pronunciate nei confronti del/i Direttore/i tecnico/i ovvero degli altri soci/amministratori muniti del potere di rappresentanza;
    • non ha violato il divieto di intestazione fiduciaria posto dall'art. 17 della legge n. 55/1990 e successive modifiche;
    • non ha commesso gravi infrazioni debitamente accertate relativamente alle norme in materia di sicurezza e ad ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro;
    • non ha commesso un errore grave nell'esercizio dell'attività professionale;
    • non ha commesso violazioni definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento delle imposte e tasse;
    • non hanno commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, in ordine alle norme in materia di contributi previdenziali ed assistenziali;
    • di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili;
    • che nei confronti della Ditta non è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all'art. 9, comma 2, lett. c), del D.Lgs. n. 231/2001 e successive modifiche o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione;
    • che la Ditta non si trova in altre ed ulteriori situazioni che determinino l'incapacità a contrattare con la Pubblica Amministrazione."

Documenti necessari

  • Autocertificazioni come sopra descritte;
  • Fotocopia documento di identità
  • Copia della S.C.I.A.
  • Coordinate bancarie, compilate sul modello “conto corrente dedicato”

Moduli necessari

Costo

N° 2 marche da bollo da € 16,00 (una da applicare sulla richiesta di convenzionamento, una sulla copia conforme all’originale della delibera ASL).

Dove rivolgersi

U.O.C. Servizio Assistenza Farmaceutica
Via Castelnuovo, 1 22100 Como
Tel. 031/370929
Tel. Segreteria 031/370808
Fax: 031/370654
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Accesso: libero negli orari di apertura al pubblico oppure su appuntamento.
Apertura al pubblico 
Giorno Orario
Lunedì 11:00 - 12:00  
Martedì 11:00 - 12:00  
Mercoledì 11:00 - 12:00  
Giovedì 11:00 - 12:00  
Venerdì 11:00 - 12:00  
Informazioni telefoniche
Giorno Orario
Lunedì 11:00 - 12:00  
Martedì 11:00 - 12:00  
Mercoledì 11:00 - 12:00  
Giovedì 11:00 - 12:00  
Venerdì 11:00 - 12:00  

 

 

Cerca nel sito

ATTENZIONE: I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo con l'utilizzo del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni