Funghi: controllo commestibilità

foto di un fungoNon esistono metodi, ricette, oggetti, ortaggi, metalli o altro in grado di indicare la tossicità del fungo. L'unico metodo sicuro per stabilire la commestibilità del fungo è quello di classificarlo, sulla base delle sue caratteristiche, come appartenente a specie di comprovata commestibilità.

L'esame di commestibilità viene svolto presso l'Ispettorato Micologico.
A seguito dell'esame di commestibilità viene rilasciata all'utente copia di apposito riscontro di visita.

Per saperne di più sulle attività, sedi ed orari dell'Ispettorato Micologico:

Come accedere

È consentito l'accesso all'Ispettorato Micologico in qualsiasi sede provinciale indipendentemente dalla residenza.

L'accesso è su appuntamento telefonico, da fissare con almeno un giorno di anticipo, presso le sedi indicate (vedi "Dove rivolgersi")

Come portare i funghi alla visita

All'esame di commestibilità dev'essere sottoposto l'intero quantitativo raccolto, e nel più breve tempo possibile.
Il "campione" non serve: la massa lasciata a casa può contenere anche un solo pezzo di fungo di specie velenoso o mortale.

I funghi devono essere presentati alla visita in contenitori rigidi e forati (cestini od analoghi contenitori).
Si consiglia di separare opportunamente le diverse specie fungine raccolte.

I funghi sottoposti a visita devono essere:

  • freschi (non congelati o scongelati, non essicati, non diversamente conservati);
  • interi (non recisi o tagliati, non spezzettati, non lavati, non raschiati o comunque privi di parti essenziali al riconoscimento);
  • sani ed in buono stato di conservazione (non tarlati, ammuffiti, fermentati, fradici, eccessivamente maturi);
  • puliti da terriccio, foglie e/o altri corpi estranei;
  • provenienti da aree non sospette di esposizione a fonti di inquinamento chimico o microbiologico (discariche di rifiuti, vicinanze di strade ad intenso traffico veicolare, forni inceneritori, colture trattate con antiparassitari, etc.)

Non verranno accettati al controllo funghi non interi, marcescenti o presentati in contenitori diversi da quelli consentiti.

I funghi giudicati non mangerecci saranno immediatamente confiscati per la distruzione. Non potranno essere restituiti all'utente, per nessuna ragione, esemplari di specie velenose o non giudicate mangerecce.

Costo

Le prestazioni sono gratuite.

Dove rivolgersi

Ispettorato Micologico:

Distretto Brianza
Distretto Como
Distretto Medio Alto Lario
Distretto Sud Ovest

Cerca nel sito

ATTENZIONE: I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo con l'utilizzo del sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni